Angelika Vitanza-Lima

Bella Sicilia

Dal traghetto io ti vedo
cosí vicina - non ci credo!
Fra pochi minuti arriverò.
Mi sei mancata - adesso lo so.
Senza di te come l'ho fatto?
Non vedo l'ora di avere contatto
con te, la terra dove son nato.
L'odore tuo - mi è mancato.
 
La prima arrancina già ho mangiato.
Dove sto non ci sono - che peccato!
A casa me ne mangio quanto ne voglio.
Non vedo l'ora di vedere lo scoglio,
il punto nel mare che mi fa sapere
che sono arrivato - che piacere!
Il cuore mio non è più scuro,
e cosí resterà - questo ti giuro!
 
Copyright Angelika Vitanza-Lima - 01.03.08

 

Todos los derechos pertenecen a su autor. Ha sido publicado en e-Stories.org a solicitud de Angelika Vitanza-Lima.
Publicado en e-Stories.org el 28.01.2007.

 

Comentarios de nuestros lectores (0)


Tu comentario

¡A nuestros autores y a e-Stories.org les gustaría saber tu opinión! ¡Pero por favor, te pedimos que comentes el relato corto o poema sin insultar personalmente a nuestros autores!

Por favor elige

Post anterior Post siguiente

¿Este novel/poem viola la ley o el reglamento de publicación de e-Stories.org?
¡Por favor, infórmanos!

Author: Changes could be made in our members-area!

Mas de"Vida" (Poemas)

Otras obras de Angelika Vitanza-Lima

Did you like it?
Please have a look at:

Senza terra - Angelika Vitanza-Lima (Política & Sociedad)
Le isole della pace (Übersetzung von Inseln der Ruhe) - Ursula Mori (Vida)
Stars - Christiane Mielck-Retzdorff (Vida)